Spiriti dispettosi a San Severino

Casa-oggi-oggi

Come si presenta oggi la casa di cui si parla

In zona Vallepiana a San Severino Marche, quasi al termine nella strada che conduce a Tolentino, c’è una di quelle case “degli spiriti” la cui fama si tramanda da generazioni e i cui resti, dall’aspetto vagamente inquietante, vengono evitati dai timorosi e furtivamente visitati dai più intrepidi. Lì quasi ottant’anni fa sembravano avvenire strani fenomeni, consistenti in disturbi, scompiglio di oggetti, fastidi notte e giorno; insomma singolari “persecuzioni” a danno di alcuni componenti della famiglia che l’abitava, degli oggetti di casa, del bestiame sistemato nella stalla, degli attrezzi e di un carro che servivano per il lavoro nei campi.

 

Casa-30-anni-fa

La stessa casa negli anni Ottanta del Novecento

Estenuati da quei fatti, i proprietari non trovarono di meglio che cercare aiuto presso chi potesse liberarli da quei fastidi, e fu così che si rivolsero dapprima a una sorta di “stregone” del luogo, poi al sacerdote, ai carabinieri, a un mago più potente a Jesi, ad altri in successione, finché un giorno una maga di Ancona “vide” che all’origine di tutto quello scompiglio c’era una manciata di spiriti che erano stati mandati a far guai e incutere paura proprio dallo stregone del paese, interpellato tempo prima nella speranza di far guarire il più anziano della famiglia affetto da un male incurabile. Grazie a una particolare operazione compiuta sul momento, la maga di Ancona riuscì a liberare la casa dalle presenze negative e a restituire agli abitanti il riposo e la tranquillità cui aspiravano.

 

Paciaroni-mazzamurelli-marche-2Era il 1937 e negli anni che seguirono la memoria di questi eventi non scomparve, essendo diventata patrimonio comune in paese, ma certo pian piano si affievolì fino a che si ridusse al semplice appellativo di una presenza degli spiriti nella casa di zona Vallepiana, già abbandonata e cadente negli anni Ottanta e ridotta ai giorni nostri a una semplice maceria. Ci ha pensato comunque di recente Raoul Paciaroni, uno storico di San Severino, a ritirar fuori dall’oblio la vicenda, recuperando vecchi racconti e procurandosi nuove testimonianze da qualcuno ancora vivo tra coloro che all’epoca seppero di quel che accadeva. E il frutto di tanto lavoro, corredato da un’ampia introduzione su casi analoghi prodottisi in territorio marchigiano, è stato ora pubblicato in un gradevole volumetto, messo anche a disposizione gratuita online (qui). La storia è “letta” dall’autore nel contesto delle credenze popolari sugli spiritelli burloni dei luoghi, variamente chiamati mazzamurelli nelle Marche; folletti, gnomi, munacielli e così via, altrove; poltergeist negli ambienti della parapsicologia.

0-studio-paciaroni

Raoul Paciaroni

Al di là dei nomi e delle singole credenze, va sottolineata l’importanza di questa pubblicazione, tra le pochissime nel suo genere, che va additata quale limpido esempio: di come si deve compiere una ricerca storica, di come la si deve raccontare, di come la si deve corredare di un approfondimento dei contesti materiali e concettuali.

 

Annunci

4 commenti su “Spiriti dispettosi a San Severino

  1. Marco ha detto:

    È una mia impressione o di Poltergeist se ne manifestano sempre meno ? Se dipendono dall’illimitato potere della mente forse le menti adesso producono sempre più onde beta e sempre meno theta con le quali si possono manifestare questi fenomeni ?!?

    Mi piace

    • Psi Report ha detto:

      Direi che la diminuzione del numero dei poltergeist è solo un’impressione: non esiste una statistica stabile sulla questione, ma che in un Paese come l’Italia si producano mediamente 2-3 casi ogni anno è un riscontro abbastanza sicuro. C’è da dire invece che non sempre queste vicende superano la soglia dell’ambito famigliare. E’ per questo che il numero dei casi reali che avvengono è ritenuto molto più alto di quello dei casi conosciuti.

      Mi piace

  2. mauro ha detto:

    il Poltergeist è, a mio parere, sicuramente un fenomeno di origine umane, non a caso tempo fà si preferiva definirlo “R.S.PK”, il commento di Marco è una buonissima ipotesi di lavoro/ricerca ma, allo stesso tempo, mi dà il “la” per una mia riflessione … molto molto molto molto …. personale:
    E’ più evidente, nel nostro tempo, la mancanza di fenomeni “spiritici” (nel senso più classico del termine) come è -inoltre- abbastanza certa, ultimamente, la mancanza di presenze “aliene” sul nostro pianeta (certa almeno tanto quanto la presenza massiccia, al contrario, millenni fà).
    allora mi chiedo se, per caso, non sia che il genere umano-terrestre abbia oltremodo passato ogni limite della decenza tanto che nessuno, nè più “anime disincarnate”, nè tantomeno esseri di altre galassie/dimensioni vogliono più avere a che fare con noi, per nulla e con nulla, il chè è sicuramente … meglio per loro !!!
    mi perdonerete, spero, la divagazione e il “non c’entrare nulla” con l’articolo.
    cmq tranquilli ! anche se il destino dell’umanità, a questo punto, è la SOLITUDINE, non dobbiamo preoccuparci, tanto … ci hanno (apposta !!!) inventato “facebook”, “instagram” … e cos’altro dimentico ??
    saluti e … scusatemi, se potete.

    Mi piace

    • Psi Report ha detto:

      Niente di cui scusarsi: anche un commento così “controcorrente” e magari poco condivisibile in alcune parti va bene, se è esposto in termini corretti ed educati. Grazie per avercelo dato.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...