Il Journal of Scientific Exploration

Nel 1981, su iniziativa di un professore universitario di astrofisica, Peter Sturrock, alcuni scienziati e ricercatori decisero di organizzarsi per promuovere espressamente indagini rigorose su fenomeni marginali, controversi, anomali, non adeguatamente studiati nell’ambito delle discipline scientifiche tradizionali. Questo primo gruppo di appassionati raggiungeva a malapena la cifra di 17 componenti: troppo pochi per consolidare una vera attività societaria.

Facendo un po’ di “proselitismo” presso i propri colleghi, il primo nucleo riuscì comunque ad arruolare in breve un centinaio di altri esponenti del mondo accademico – per lo più americano – e poté così costituire formalmente una Società di Indagini Scientifiche (Society for Scientific Exploration, SSE), che tenne la sua prima riunione all’inizio del 1982 e il primo congresso nel giugno di quell’anno. Successivamente gli incontri continuarono a cadenza annuale e, una volta maturate le attività, a metà del 1987 venne dato alle stampe il primo numero di un journal accademico che intendeva dare spazio agli interessi e alle ricerche scientifiche effettuati in qualunque campo non tradizionale.

Diretto, all’epoca, da chi aveva dato avvio all’iniziativa, il Journal of Scientific Exploration (JSE) esprimeva senza particolari preferenze l’ampiezza e l’eterogeneità degli studi comunicati. Il primo numero conteneva una breve presentazione della SSE, un articolo generico sui limiti della testimonianza, una discussione teorica su come si producono le scoperte scientifiche, la descrizione delle linee di ricerca sulla cognizione anomala (Esp) attuate presso la Princeton University, una rassegna sul “mostro” di Loch Ness, un esame del Rapporto Condon sugli Ufo.

Successivamente lo sguardo venne mantenuto su molti aspetti afferenti a discipline assai diverse, quali astrologia, ufologia, biochimica, biologia, zoologia, parapsicologia, ma con il passare del tempo e l’esaurirsi di alcune questioni (per esempio il presunto riscontro astrologico annunciato da Michel Gauquelin e denominato “effetto Marte”) alcuni temi hanno assunto una preminenza maggiore. La parapsicologia è uno dei campi che in questi trent’anni di pubblicazioni ha fatto “la parte del leone”, aumentando costantemente la sua presenza nelle pagine della pubblicazione. Ho effettuato una misura, approssimativa ma indicativa, della quota degli articoli dedicati a questa materia con il passare del tempo, ottenendo i risultati riportati nella figura seguente.Non molte ma nemmeno poche le pubblicazioni di autori italiani, talora in associazione con autori stranieri, che segnalo qui sotto nella loro interezza (salvo possibili omissioni dovute alla mancanza di alcuni fascicoli nell’archivio online) indipendentemente dalla loro appartenenza o meno al campo della parapsicologia. Per come è stato conformato l’archivio online del JSE, alcuni di questi lavori sono reperibili individualmente; in altri casi, si deve scaricare l’intero fascicolo della rivista in cui compaiono.

1991 William Giroldini discute del modello di interazione mente-materia di Eccles in riferimento alla psicocinesi

1992 Luigi Garlaschelli affronta il tema del “miracolo di san Gennaro”

1999 Marco Margnelli riporta un caso di stigmatizzazione da lui studiato

2004 Claudio Cardella, Laura de Magistris, Ettore Florio discutono delle proprietà dell’acqua

2004 Massimo Teodorani esamina il caso delle luci di Hessdalen

2005 Francesco Grassi e Paolo Russo trattano dei “cerchi nel grano”

2006 Massimo Teodorani torna sullo stesso argomento già trattato in precedenza

2006 Matteo Leone interviene ancora sulle luci di Hessdalen

2009 Massimo Biondi delinea la vita e l’opera di Marco Levi-Bianchini

2011 Giulio Caratelli e Maria Luisa Felici pubblicano una rassegna delle attività della medium francese Jeanne Laplace

2011 Luca Gasperini propone un dettagliato ritratto biografico di Ernesto Bozzano

2016 Patrizio Tressoldi discute dell’uso dei metodi statistici negli studi parapsicologici

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...