Lombroso, la ricerca psichica ed Eusapia Palladino

Lombroso (a sin.) a una seduta con Eusapia Palladino nel 1892

È stato appena pubblicato dalla rivista History of Psychiatry un articolo, scritto da Carlos Alvarado e da me, su un’interpretazione data da Cesare Lombroso delle manifestazioni medianiche di Eusapia Palladino. Conosciuta la donna a metà del 1891, quando partecipò a un paio di sedute con lei a Napoli, lo psichiatra si convinse subito che i fenomeni cui aveva assistito non erano dovuti a trucchi o a fraintendimenti da parte dei presenti Continua a leggere

Sfogliando il passato. V

0-la-lettura-n-1

Nata come supplemento del Corriere della Sera per volere del suo direttore Luigi Albertini, nel gennaio del 1901 vide la luce la rivista La Lettura, affidata alle cure del commediografo Giuseppe Giacosa, uomo di ampi interessi e orizzonti, che di lì a poco sarebbe diventato suocero di Albertini. Fin dall’inizio il mensile seppe imporsi grazie alla sua capacità, sconosciuta alla maggior parte dei periodici dell’epoca, di affrontare temi di cultura anche molto “elevati” Continua a leggere

Natale in casa Ochorowicz

0-eusapia-palladinoÈ abbastanza naturale, per un blog come questo, tornare ogni tanto a episodi e circostanze del passato che offrono analogie più o meno profonde con episodi e circostanze del presente. Non deve stupire perciò se oggi accenno a un Natale di molti anni fa trascorso da Eusapia Palladino non nella sua casa di Napoli, accanto al marito e alle persone amiche che aveva in città, ma fuori dall’Italia e precisamente a Varsavia, ospite di Julian Ochorowicz, un eclettico studioso che, tra le altre cose, aveva una spiccata propensione per le indagini sulla medianità. Continua a leggere

La ricerca ai tempi di internet. I. Giorgio Finzi

1-immagine-1Sia per le indagini sperimentali che per quelle storiche, la possibilità di accedere a una rete di informazioni digitali sviluppata a livello planetario è una risorsa preziosa – a patto di non cadere in un paio di errori gravi. Il primo è credere di poter limitare lo studio soltanto a quel che si trova online: Continua a leggere